×

Attenzione

Direttiva Europea sulla e-Privacy

In ricercaindipendente.org facciamo uso di soli coockies tecnici e tecnologici, necessari per rendere la navigazione piacevole e sicura.
Navigando in qualsiasi pagina di questo sito dichiari espressamente di acconsentire all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo.
Accetti?

Cookies rifiutati, è obbligatorio abbandonare questo sito.
Qualsiasi ulteriore permanenza e/o utilizzo invalida il dissenso espresso.


Per cambiare scelta riconsidera i cookies.

Una meme è d'obbligo per chi si improvvisa scienziato pur di recitare un copione di incondizionato discredito.

Un copione cucito intorno alla "moda" di incurante e smisurata derisione verso i cosiddetti terrapiattisti, definiti "Intellettualmente disonesti" da colui che cerca di ritagliarsi uno spazio comodo nella tematica Terra Piatta.

Sottolineando le affermazioni dell'autore del documentario "La teoria della testa piatta" con semplici "Ne sei sicuro?", e riusando le stesse parole dell'autore, i nostri ricercatori indipendenti hanno iniziato ad affondare le loro lame tra le catene di gaffe involontariamente (si spera) commesse dall'autore stesso, in un divertente mix di effetti sonori avvincenti e sequenze video inneggianti  "V per Vendetta" che non perdonano la superficiale preparazione.

Tra le prime imbarazzanti gaffe, emergono evidenti confusioni tra rifrazioni ed aberrazioni ottiche, con exploit della portata di "e non venitemi a raccontare per favore che i raggi solari fanno una curva a gomito solo per accomodare in qualche modo la vostra teoria...".

Ma ciò che la vita quotidiana insegna è che NULLA si può con chi, difronte a sfacciata ed orgogliosa ignoranza, chiude a modo sua una qualsiasi forma pensiero o discussione.
Sarebbe interessante, quindi, sentire la sua versione in merito a tutti quei fenomeni naturali che trovano spiegazione proprio nella rifrazione della luce, come per esempio i normalissimi arcobaleni, i quali fanno della rifrazione della luce solare fondamento necessario alla dispersione ottica.

Di certo gli arcobaleni non li hanno buttati li a caso terrapiattisti.

Errore comunque imperdonabile per chi fa della fotografia una vera professione.

Indubbiamente i primi due video hanno ben colpito, evidentemente l'autore si è accorto troppo tardi di aver imprudentemente affermato cose errate, dimostrando inevitabilmente le potenziali lacune.

Tralasciando i dovuti francesismi, soliti solo a chi ha il cattivo gusto di concludere uno pseudo-documentario con un sedere, ci teniamo a precisare che i video di risposta sono frutto del lavoro dello staff di ricercaindipendente.org.

E mentre l'autore preferisce dare un taglio al proliferare di argomentazioni molto più valide della sua "intellettualmente" offensiva esposizione, o meglio fallace preparazione, frutto forse di "ricerche" che a definirle tali c'è da vergognarsi, noi di Ricercaindipendente.org continueremo il nostro lavoro.

Mentre gli utenti del forum dell'autore si troveranno costretti al "bevi o affoga" (provino a sollevare la questione rifrazione invece di suggerire canali youtube che profumano di troll!), noi continueremo a sottolineare senza pietà TUTTE le ridicole gaffe commesse dall'autore, degne di scappellotto, strizzando l'occhio alla superficialità, strappando un sorriso a chi si è sentito "intellettualmente disonesto" ed intervallando tutti i veri ricercatori che negli anni hanno prodotto ottimo materiale di ogni genere, nomi come Dino Tinelli, Roberto Morini, Tommix e molti altri.

Altro che il sedere di una donna buttato la, come ciliegina di una torta su un "documentario" che solo dal sedere di qualcuno poteva essere partorito.

Rinnoviamo anche noi, a proposito, l'invito fatto da Dino Tinelli a rispondere alle sue 5 domande, qualora gli venisse voglia di produrre un secondo video (possibilmente senza farsi beccare impreparato).

E perché no, aggiungiamo una sesta domanda sugli arcobaleni?
Non si sa mai, magari questa lezione l'ha imparata.