Costruzione pagina
Attendere...
Domenica 5 Aprile 2020

Articoli

Gli articoli di Ricerca Indipendente

Se ti dovesse capitare di sentirti uno straccio, mi diceva il nonno Sandrot, appoggiati con la schiena contro una bella quercia di fustaia o contro una quercia “moderna” bella dritta.
Appoggia i talloni, le natiche, la schiena e la parte posteriore del cranio contro il tronco.
Girati verso sud, metti i palmi delle mani sulla corteccia e rimani lì finché puoi… un’ora se hai abbastanza pazienza: guarito, ti sentirai caricato.

- Caricato di che?

- Caricato di vita, ragazzo! È facile da capire: l’albero risucchia la sua vita dalla terra, questa risale tramite le sue radici ed il suo tronco, ma la risucchia anche dal cielo tramite le foglie e la fa scendere tramite i rami.
Circola nei due sensi, capisci?
E tu ne approfitti per rimetterti in forma.

È così che i nostri vecchi si tiravano su.

- Dal libro “La Billebaude” di Henri Vincenot -